Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
©credits

India: una demonetizzazione tutta da guardare.

AAEAAQAAAAAAAAgqAAAAJDA1ODJjOTZhLWE2OGMtNDZhMC1iNTY0LTg3OTI0ZTk5NjMyZgIn un’intervista pubblicata oggi su Firstpost l’ex ex- vicegovernatore della Reserve Bank of India, Chakrabarty dice: “Tutti i discorsi su un’economia senza contanti è fuori dal mondo, una cosa irreale. Si tratta di punti in agenda delle multinazionali fintech e compagnie di telecomunicazione. Tra Inclusione finanziaria e economia senza contanti c’è una contraddizione. Ho intenzione di parlare di questo nei prossimi giorni”.

Nel frattempo l’endorsment governativo comincia a arrivare anche dall’estero, questa volta per bocca di Wadhwa, professore alla Carnegie Mellon University di Ingegneria a Silicon Valley, che qui dice: “la politica di demonetizzazione del primo ministro indiano Narendra Modi annunciata l’8 novembre è stata una mossa audace che sicuramente produrrà benefici a lungo termine, perché accelererà la spinta della moneta digitale e della modernizzazione dell’economia indiana. Non siamo pronti a diventare una società senza contanti, ma ci sono molte lezioni che la Silicon Valley e gli Stati Uniti possono imparare dal mondo in via di sviluppo”.

Vediamo.